Titolo

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait

Trattamento di Bioristrutturazione

Il trattamento di bioristrutturazione (il termine varia a seconda di quali sostanze sono usate nelle punture) mira a contrastare l’invecchiamento cutaneo e a recuperare la giovinezza della pelle attraverso periodiche microiniezioni sottocutanee.

Ad essere iniettate nella pelle sono sostanze “ringiovanenti” quali l’acido ialuronico, i polinucleotidi, le vitamine e gli aminoacidi. Infatti, queste sostanze riescono a stimolare le cellule responsabili dell’elasticità della pelle, contribuendo anche alla sua idratazione e al contrasto dei radicali liberi.

Insomma, queste iniezioni porterebbero ad avere in un breve periodo di tempo una pelle più fresca, più morbida, più tonica ed idratata – garantendo un aspetto più giovane.

ostanzialmente, quindi, durante questi trattamenti ad essere iniettato è un cocktail di vitamine che stimola il ricambio dermico.  Nello specifico, la vitamina A induce in profondità un rapido moltiplicarsi del numero delle cellule della pelle e stimola la produzione di collagene, la vitamina C migliora la sintesi del collagene e la vitamina E svolge un’azione antiossidante combattendo i radicali liberi prodotti dall’esposizione ai raggi solari e contribuisce a mantenere alto il livello di idratazione.

Unitamente a ciò, la pelle viene stimolata con l’introduzione sottocutanea di sali minerali (che agiscono sulle funzione essenziali del rinnovo cellulare), di aminoacidi tra cui l’acido ialuronico, di arginina, acido aspartico, cistina, glicina, serina, taurina e triptofano (sostanze che stimolano le funzioni vitali della pelle), del coenzima NAD che interviene come antiossidante nella struttura della cellula epidermica stessa e dell’ RNA che regola la sintesi delle proteine.

In ogni modo, anche chi sceglie di percorrere la via della biostimolazione non deve prescindere da una cura della pelle che parta da azioni quotidiane come mantenere alta l’idratazione bevendo almeno due litri di acqua al giorno o assumere frutta e verdura (meglio di stagione e non di serra).

D’altra parte le punture di biostimolazione rappresentano un ritrovato che ricalca quelle che sono da sempre le tecniche “naturali” per mantenersi giovani e avere un aspetto sano nonostante il passare del tempo…

admin

Lascia un commento